Criptovalute emesse dalle banche centrali, pro e contro

Criptovalute emesse dalle banche centrali, pro e contro

Le criptovalute emesse dalle banche centrali fino a poco tempo fa sarebbero state considerate incompatibili. Le Banche centrali hanno un sistema centralizzato e le criptovalute invece sono decentralizzate. Una delle chiavi della espansione delle criptovalute è che, dietro di loro, non c'è una banca centrale. Senza supporto, ma anche senza controllo, le criptovalute sono riuscite a posizionarsi, poco a poco, nell'economia globale. Attualmente, le banche centrali di diversi paesi hanno capito il potenziale delle criptovalute. Pertanto, hanno cercato delle opzioni per avere anche la loro parte di questa enorme torta.

Con le loro criptovalute, le banche centrali stanno cercando di modernizzare i loro sistemi finanziari. Allo stesso tempo cercano di proteggersi da ciò che vedono come una minaccia, cioè il Bitcoin e le altre criptovalute. Vogliono anche accelerare i pagamenti internazionali e nazionali. Le banche commerciali guardano con sospetto a questi progetti, perché sanno che se entrano in vigore, saranno costrette a cambiare il loro modello di business, dato che la loro principale fonte di finanziamento erano i depositi dei clienti.

Tipi di criptovalute

Ci sono quasi 6.000 criptovalute nel mondo. Tutti loro permettono lo scambio tra le parti, senza l'intermediazione di una terza parte. E questi sono i punti in comune.

Le criptovalute si dividono secondo diversi elementi: chi le ha emesse (una Banca Centrale o un'altra entità, pubblica o privata), l'accessibilità (globale o ristretta), la forma (fisica o elettronica). Inoltre, la loro classificazione tiene conto anche del meccanismo di trasferimento, se è centralizzato o peer-to-peer.

Secondo l'emittente, ci sono tre tipi di criptovalute. In primo luogo, le più comuni sono le criptovalute emesse da un'entità privata o da un individuo. Inoltre, ci sono criptovalute delle banche centrali. Un terzo tipo è una soluzione ibrida, dove la banca centrale emette, ma sono entità private che interagiscono con i clienti.

Vantaggi delle criptovalute emesse dalle banche centrali

Le banche centrali vogliono creare criptovalute che possano resistere agli attacchi informatici. Per farlo, progetterebbero sistemi in grado di elaborare un numero molto elevato di pagamenti al secondo. Questi sistemi dovrebbero essere disponibili a costi nulli o molto bassi per gli utenti finali.

Uno dei grandi vantaggi delle criptovalute emesse dalle banche centrali è che devono essere governate dal quadro normativo di quella banca. Pertanto, sono sicuri e saranno rapidamente accettati come metodo di pagamento. Le banche centrali normalmente non falliscono. Questo dà fiducia alle persone per mantenere parte dei loro risparmi e fare transazioni con quella criptovaluta.

Nel frattempo, le criptovalute presentate da entità private o individui, che sono le più comuni oggi, affrontano il serio problema della loro volatilità. Tutti, dai più diffusi, come Bitcoin, ad altri più recenti, come Cardano, il loro valore cambia rapidamente. Questo è dovuto, tra l'altro, al loro uso e al loro grado di accettazione.

All'interno di questo tipo ci sono anche le valute stabili. Queste cercano di risolvere il problema della volatilità. Pertanto, si stabilisce un tasso di cambio fisso tra un bene con un valore stabile, come una delle valute fiat più comunemente usate nel mondo (dollaro, euro, sterlina, ecc.) e la criptovaluta.

Le criptovalute sostenute dalle banche centrali possono essere utilizzate come un complemento alle solite strategie di politica monetaria. Tra gli esempi citati dagli esperti c'è il fatto che fissare un tasso di interesse su una tale criptovaluta aumenterebbe la gamma di strumenti disponibili per quella banca centrale.

Rischi delle criptovalute emesse dalle banche centrali

Anche le criptovalute emesse dalle banche centrali sollevano molti dubbi. Il principale svantaggio segnalato dagli specialisti è che, con questo, la criptovaluta perde la sua essenza, cioè, cessa di essere decentralizzata.

La disintermediazione finanziaria dipenderà da chi ospita i wallet digitali delle criptovalute emesse dalle banche centrali. Se l'ospite è la banca centrale stessa, allora le persone fisiche potrebbero avere conti direttamente nella banca centrale. Questo rappresenta un rischio di disintermediazione e instabilità finanziaria. I depositi verrebbero semplicemente dirottati dalle banche commerciali alla banca centrale e questo comprometterebbe il modello di business delle banche tradizionali.

Nel caso in cui i portafogli digitali siano ospitati da società non legate alle banche, questo non eliminerebbe l'intermediazione finanziaria. Ma porterebbe nuove sfide, soprattutto se questi wallet non fossero protetti da una garanzia di deposito.

Un'altra sfida, per le banche centrali, è che devono identificare molto bene i destinatari e i conti delle criptovalute. Per questo hanno bisogno di creare modi per minimizzare l'opacità delle criptovalute.

Il futuro delle criptovalute emesse dalle banche centrali

Secondo la BRI, un'organizzazione che cerca di promuovere la stabilità finanziaria e monetaria nel mondo, le criptovalute "coesisteranno" con il denaro tradizionale. Diverse banche centrali, tra cui la Banca del Canada, la Banca d'Inghilterra, la Banca centrale europea, la Federal Reserve degli Stati Uniti e la Banca nazionale svizzera hanno detto che stanno studiando la fattibilità di sviluppare le proprie criptovalute. Tuttavia, nessuna di queste entità si è impegnata ad emetterne una.

La Banca Centrale Europea ha menzionato la sua intenzione di lanciare un euro digitale nei prossimi cinque anni. Tuttavia, questa iniziativa ha incontrato l'opposizione della Germania. La Bundesbank teme che un euro digitale possa diventare un rischio per le banche.

Uno dei paesi che ha fatto più progressi nella creazione della propria criptovaluta è la Cina. La People's Bank of China vuole emettere uno yuan digitale, come parte dei suoi obiettivi di internazionalizzare la sua moneta e ridurre la dipendenza dal sistema di pagamento attualmente dominato dal dollaro USA.

Mentre i paesi più sviluppati stanno ancora valutando le possibilità di lanciare la propria criptovaluta, le nazioni in via di sviluppo sembrano più determinate ad andare avanti su questo tema. La Banca Centrale delle Bahamas ha già utilizzato il suo "sand dollar", una criptovaluta nazionale, attraverso un'applicazione mobile da più di un anno. Con il "sand dollar", la gente può fare tutti i tipi di pagamenti in quella nazione caraibica. Inoltre, la Cambogia ha anche un progetto di criptovaluta molto avanzato, con il quale cerca di estendere i servizi finanziari a persone che, oggi, non hanno accesso alle banche tradizionali.

Avvertenze di rischio
I punti di vista e le opinioni espresse sono le opinioni di Crypto Currency 10 e sono soggette a modifiche in base al mercato e ad altre condizioni. Le informazioni fornite non costituiscono un consiglio di investimento e non dovrebbero essere considerate come tali. Tutto il (i) materiale (i) è stato ottenuto da fonti ritenute attendibili, ma la sua accuratezza non è garantita. Non vi è nessuna garanzia o rappresentazione in merito all'attuale precisione o responsabilità per le decisioni basate su tali informazioni.
Le variazioni dei tassi di cambio possono avere un effetto negativo sul valore, sul prezzo o sul reddito di un investimento.
La performance passata non è garanzia di risultati futuri e il valore di tali investimenti e delle loro strategie potrebbe aumentare o diminuire.

OBD_240x300_it

localbitcoin_it_240x300

Cryptocurrency10.com
Avenida Samuel Lewis, Torre Omega, suite 5D.
Panama.

Generale: [email protected]
Clienti: [email protected]
Supporto: [email protected]

Telefoni
Italy: +39 (06) 99335786
Spagna: +34 (93) 1845787
Panama: +507 8327893
Panama: +507 8339512
Stati Uniti: +1 (305) 3402627

Urgenze:
+507 8339512

Servizio al cliente dalle
15:00 - 18:00 (inglese, italiano, spagnolo)