Criptovalute e portafogli elettronici vs. monete e banche, chi vincerà la guerra?

Le criptovalute sono diventate un grande boom. Bitcoin è in aumento e persino il governo venezuelano di Nicolás Maduro scommette sulla creazione della propria criptovaluta. Questa crescita nell'economia delle criptovalute preoccupa gli esattori delle tasse, specialmente nei paesi in cui i loro cittadini devono pagare le tasse più alte. Molti credono che l'anonimato che circonda le transazioni con criptovalute potrebbe influenzare il fatto che le autorità perdano traccia dei soldi dei loro contribuenti. Ma è davvero così?
Attualmente, gli esattori delle tasse hanno ottenuto l'accesso ai registri delle principali banche mondiali. Il segreto bancario sembra essere stato lasciato indietro, davanti alla pressione dei governi e alle minacce di sanzioni, le istituzioni finanziarie hanno scelto di aprire i loro libri non solo all'IRS degli Stati Uniti, ma anche agli esattori delle tasse dei paesi occidentali.
Le criptovalute sono la soluzione per garantire la privacy nelle transazioni ed evitare il controllo totale sulle risorse di ciascun cittadino? È vero che tracciare le transazioni di criptovalute, per come sono fatte, è molto difficile; ma, allo stesso tempo, le autorità fiscali sanno che molti soldi si stanno trasferendo lì e, pertanto, hanno raddoppiato i loro sforzi per impedire che l'economia delle criptovalute sfuggisse al loro controllo.
Cosa fanno allora le autorità? Se in precedenza richiedevano alle banche di consegnare i record dei loro clienti, ora premono sui principali siti che commercializzano le criptovalute per condividere i dati e le transazioni dei loro clienti. Quello che è successo a Coinbase è un esempio di quanto interesse dia l'IRS alle criptovalute.
Nella guerra che hanno combattuto, e apparentemente vinto contro le banche tradizionali, le autorità fiscali, come l'IRS, hanno richiesto ai fornitori di posta, come Federal Express, di consegnare i documenti di spedizione tra banche e cittadini statunitensi. Se lo portiamo allo scenario attuale, l'IRS potrebbe citare fornitori di servizi Internet, portafogli elettronici o altri meccanismi di e-commerce per mostrare i loro record di transazioni.
Inoltre, quando gli esattori delle tasse si sono resi conto di non avere risorse sufficienti per controllare tutti quelli che avevano conti bancari offshore, hanno implementato un programma di "scudo fiscale", tramite il quale i titolari di conti offshore potevano presentare le tasse arretrate, pagavano una multa, ed evitavano la prigione. Ora queste autorità potrebbero presentare un'idea simile con criptovalute.
Se analizziamo gli sforzi compiuti da queste autorità per mantenere uno stretto controllo sul pagamento delle tasse dei cittadini, è prevedibile che faranno lo stesso sforzo o, ancora di più, per tentare di tassare i profitti ottenuti con le criptovalute. Dato questo scenario molto probabile, non sembra rischioso prevedere un confronto molto forte tra gli esattori delle tasse e l'economia delle criptovalute.

 

Ha bisogno di una consulenza?
Prenotare

Avvertenze di rischio
I punti di vista e le opinioni espresse sono le opinioni di Crypto Currency 10 e sono soggette a modifiche in base al mercato e ad altre condizioni. Le informazioni fornite non costituiscono un consiglio di investimento e non dovrebbero essere considerate come tali. Tutto il (i) materiale (i) è stato ottenuto da fonti ritenute attendibili, ma la sua accuratezza non è garantita. Non vi è nessuna garanzia o rappresentazione in merito all'attuale precisione o responsabilità per le decisioni basate su tali informazioni.
Le variazioni dei tassi di cambio possono avere un effetto negativo sul valore, sul prezzo o sul reddito di un investimento.
La performance passata non è garanzia di risultati futuri e il valore di tali investimenti e delle loro strategie potrebbe aumentare o diminuire.

Changelly 240x400

PAYOPM E-wallet

Coinmama-IT

etoro-2

Cryptocurrency10.com
Avenida Samuel Lewis, Torre Omega, suite 5D.
Panama.

Generale: info@cryptocurrency10.com
Clienti: customerservice@cryptocurrency10.com
Supporto: support@cryptocurrency10.com

Telefoni
Italy: +39 (06) 99335786
Spagna: +34 (93) 1845787
Panama: +507 8327893
Panama: +507 8339512
Regno Unito: +44 (203) 6951776
Stati Uniti: +1 (305) 3402627
Svizzera: +41 (91) 2280356

Urgenze:
+507 8339512

Servizio al cliente dalle
02:00 - 06:00 (inglese, italiano, spagnolo)
08:00 - 17:00 (inglese, italiano, spagnolo)